Logistics cafè

Intervista a Marco Vialetto, Sales Manager di Plannet

Buongiorno Marco Vialetto, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GLMSummit18. Il 2020 si avvicina e come tutti i passaggi decennali porta con sé aspettative e predizioni, fatte negli anni precedenti e talvolta azzeccate. Al netto delle aspettative e delle previsioni del passato, quali sono secondo voi i trend del settore per i prossimi due anni?
Non ricordo cosa abbia caratterizzato lo scorso passaggio decennale ma sicuramente gli ultimi anni di questo hanno visto porsi prepotentemente alla ribalta i temi legati all’ Industria 4.0, alla consapevolezza per le aziende e gli addetti operativi di poter lavorare con strumenti che hanno la possibilità di fornire loro risposte per ottimizzare la gestione del quotidiano. Avere gli strumenti di supporto adeguati significa ottimizzare il tempo a disposizione, dedicandolo ad analisi a valore aggiunto, come ad esempio simulazioni what-if dei possibili scenari.
Secondo noi i trend del prossimo futuro vedranno ancora queste tematiche dettare le agende di noi operatori del settore e delle aziende perché tutto questo si traduce in un miglioramento continuo delle performance (dall’ottimizzazione del livello di servizio alla riduzione dello stock, dalla massimizzazione delle produttività degli impianti alla riduzione degli sprechi, …); in una parola, in recupero di marginalità e redditività. Prevediamo ancora investimenti legati a questa tipologia di soluzioni, che permettono alle aziende di competere sempre meglio sul mercato.

Ci sono delle novità che presenterete al #GLMSummit18 o un prodotto o servizio che metterete in qualche modo in evidenza o di cui volete accennare in queste righe?
A breve, sempre nell’ottica di apportare miglioramenti continui alla nostra soluzione Compass10, presenteremo nuove funzionalità legate al nostro modulo dedicato alla schedulazione e più precisamente alla gestione grafica interattiva del programma di produzione che permetterà di:

  • modificare manualmente il programma di produzione (spostare fasi ma anche variare le quantità, introdurre attività come cambi/attrezzaggi e manutenzioni )
  • verificare in tempo reale l’andamento del profilo di utilizzo delle risorse (ad esempio i materiali) per capire se le forzature apportate stanno violando o meno i vincoli
  • gestione simultanea e sincronizzazione di semilavorati e prodotti finiti potendo valutare le relative variazioni alla modifica apportata sulle quantità e i tempi

La sfida della Industria 4.0 sta entrando nel vivo, ma gli approcci per andare verso questo futuro e nella direzione giusta sono molti e talvolta confondono le aziende, che stentano a trovare la strada e la ricetta giusta. Qual è la vostra?
La nostra è una ricetta tutto sommato semplice, gli ingredienti sono una soluzione tecnologicamente all’avanguardia e continuamente sviluppata, accompagnata da competenze di alto livello di una squadra di persone che nasce dallo spin off di un gruppo di lavoro già consolidato che operava come Divisione Sistemi di una società di consulenza di Direzione Aziendale specializzata nell’ambito Operations e Supply Chain.
Nel nostro DNA vi sono quindi le competenze per supportare i cambiamenti organizzativi edf il change management per sfruttare al 100% le possibilità offerte dalla nostra soluzione software in ambito Planning, Scheduling e MES.

Si dice che la seconda metà del secolo sarà dominata da robot e intelligenza artificiale e in molti temono che il lavoro dell’uomo ne risentirà, fino a rischiare quasi di scomparire. Voi come vedete questa fase?
Rispetto al recente passato, l’uomo resterà sempre più la figura centrale del processo produttivo anche se sarà necessario >valorizzare le risorse umane su competenze sempre più specifiche. I software, nel nostro settore, non si sostituiscono all’esperienza; ma mettono a disposizione degli addetti dati e informazioni a supporto delle decisioni.
Oggi si ha la necessità non tanto di “delegare” scelte automatiche al sistema, ma di disporre di strumenti che permettano quotidianamente di dare le giuste risposte e di sfruttare al meglio le potenzialità delle risorse produttive.

Chiudete gli occhi e immaginate la vostra azienda nel 2025: cosa vedete e come pensate di arrivarci?
È sempre difficile immaginarsi il futuro e pensare a come saremo nel 2025 è un esercizio di fantasia. Sicuramente continueremo ad investire per confermare ed ampliare il trend che negli ultimi anni ci ha visto sempre crescere a doppia cifra anno su anno.
Fondamentali saranno gli investimenti costanti in tecnologia, e a questo riguardo stiamo già sperimentando sul nostro software COMPASS una nuova generazione di algoritmi di ottimizzazione; ma altrettanta attenzione la dedicheremo al consolidamento e allo sviluppo della nostra rete di partners (soprattutto all’estero) per consolidare la nostra presenza a livello worldwide.
Vogliamo proseguire la nostra crescita affermandoci non solo come fornitori di soluzioni e di tecnologia a valore aggiunto in ambito Supply Chain ma anche e soprattutto come società in grado di supportare le aziende nel cambiamento, perché tanti sono capaci di fare bene delle applicazioni ma pochi sono in grado di progettare e realizzare (insieme al Cliente) i cambiamenti organizzativi necessari per ottenere i miglioramenti attesi.

Grazie per averci concesso questa intervista, ci vediamo il 14 e 15 novembre a Pacengo di Lazise (VR).

Interviste

Intervista a Marco Vialetto, Sales Manager di Plannet

7° Global Summit Logistics & Manufacturing

20 e 21 novembre 2019

ISCRIVITI

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto Accetto. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi