Interviste

Intervista a Giuseppe Ravazzolo di Marketing WTCO 

Buongiorno Giuseppe Ravazzolo grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GLMSummit21. Cosa vi aspettate da questo evento, finalmente di nuovo in presenza?
Ci aspettiamo di poter tornare ad un confronto diretto con la possibilità di non solo condividere ma creare anche empatia tra le persone del Summit

Se avete già preso parte ad altre edizioni del Global Summit, cosa avete apprezzato delle altre partecipazioni?
Abbiamo apprezzato La possibilità di avere contatti diretti organizzati, E poter quindi condividere fin dal primo minuto l’interesse sull’argomento del summit

In poco meno di due anni la Pandemia di Covid19 ha già cambiato il mondo molto più di quanto non sia accaduto nei 30 che ci hanno portati in Rete e connessi. Cosa resterà di questo periodo nel vostro settore? Quali trasformazioni rese necessarie dall’emergenza sanitaria resteranno tra noi, anche quando tutto questo sarà terminato?
Certamente quello che è rimasto e la possibilità di lavorare in maniera differente rispetto a prima, l’introduzione dell’attività remota ha certamente cambiato le prospettive, non possiamo parlare di SMART working ma piuttosto home working, dando la possibilità di stare più vicini alle proprie famiglie (per chi intermedi ruolo può permetterselo).
Il pensiero ad una maggiore sostenibilità globale, oltreché indotto e spinto dai media, in termini di post pandemia, rimarrà un argomento su cui le aziende dovranno lavorare assiduamente.

Chiusure, limitazioni, lavoro da remoto e poi tamponi, certificazioni, regole. Cos’è cambiato nel rapporto con le aziende vostre clienti in questo difficile periodo? Di cosa credete abbiano oggi (e soprattutto in futuro) maggiormente bisogno e come le state aiutando a ripartire?
Questo momento di difficoltà ci ha permesso di consolidare il rapporto, partendo da un momento di difficoltà, il rapporto cliente fornitore è mutato in partner.
Come policy diamo supporto alle aziende 24/7/365 in quanto lavorare con ottica globale, necessita di dare supporto costante e continuo e questo tipo di confronto è molto apprezzato in quanto non esiste un momento in cui hai bisogno di aiuto o di un confronto il ritmo del mondo guida la necessità di avere supporto costante.

Se poteste tornare a gennaio e febbraio 2020, quando le voci dalla Cina lasciavano intuire che questo virus avrebbe potuto rappresentare una minaccia globale, cosa fareste immediatamente e perché?
Certamente attrezzare le aziende con i giusti strumenti informatici e corretti sistemi di protezione personale, in quanto qualsiasi altro elemento è stato superato dalla voglia di fare squadra all’interno dell’azienda in un momento difficile, e anche i più resistenti al cambiamento hanno a loro modo seguito il flusso del cambiamento interno aiutando e sostenendo le stesse aziende

Cosa consigliereste ad un nuovo cliente che vi contattasse oggi per scoprire le migliori opportunità del settore e iniziare a lavorare con voi e per poter implementare queste possibilità nella propria attività?
Il principale consiglio è avere un obiettivo chiaro, prima definiamo l’obiettivo, definiamo un tempo in cui vogliamo raggiungere l’obiettivo e condividiamo in modo di essere tutti allineati e successivamente andare a capire in quale funzione attività un supporto di figure “esterne” può dare supporto ma soprattutto quale tipo di competenze ho necessità di acquisire dall’esterno.
Pochi passaggi ma fondamentali per creare chiarezza nel rapporto.

In cosa ritenete che la vostra azienda si distingua davvero dalle altre?
Concretezza e credibilità questi sono i due termini che contraddistinguono la nostra azienda in quanto tutto ciò che facciamo lo facciamo in prima persona condividendo esperienze e ove possibile necessario prendendoci le dovute responsabilità, in alcuni casi ci viene chiesto di essere noi i decisori e questo per noi e’ un impegno che riteniamo di dover prendere

Perché un visitatore del #GLMSummit21 dovrebbe assolutamente sedersi al vostro tavolo?
Perché al nostro tavolo È possibile trovare confronto sulle esperienze vissute, è possibile trovare un team di persone che per competenza ed esperienza può dare indicazioni e suggerimenti volte a risolvere i problemi che accadono in azienda.

Il tema della sostenibilità è sempre più al centro del dibattito e le aziende più impegnate in questo ambito iniziano a veder premiati i propri sforzi anche in ambito B2B. Possono produzione, logistica e distribuzione andare davvero in questa direzione? E come può la vostra realtà aiutare i propri clienti in questo obiettivo?
Migliorare i processi produttivi, ridurre gli sprechi all’interno degli stessi è uno degli elementi importanti per approcciare il concetto di sostenibilità
Misurare tutto ciò che ha un impatto negativo sull’ambiente e di conseguenza come nella maggior parte dei casi risulta essere un extra costo per l’azienda?! Noi ci impegniamo a misurare insieme al team aziendale e ad applicare piani di miglioramento continuo

Chiudete gli occhi e immaginate che sia già il 2030: cosa vedete? Quali sono le innovazioni che vedete realizzate e funzionanti nel vostro ambito?
Siamo sufficientemente certi che l’intelligenza artificiale sarà un elemento che ci potrà dare grande supporto e e che ci permetterà di raccogliere dati in maniera puntuale e dall’altra di poter eliminare o meglio passare le attività hanno un valore aggiunto a sistemi che verranno appositamente realizzati.
L’integrazione cliente, processo, prodotto, persone, tecnologia sarà il nuovo paradigma su cui dovremo lavorare in maniera profonda e integrando una componente all’altra

Grazie per averci concesso questa intervista, ci vediamo a Pacengo di Lazise (VR).

Giuseppe Ravazzolo di Marketing WTCO
9° Global Summit Logistics & Manufacturing
16 | 17 NOVEMBRE 2022
ACCEDI QUI se sei registrato o ISCRIVITI