16:00 - 16:30

21 Novembre 2019

Come aumentare il livello di servizio analizzando il processo interno di evasione dell’ordine e ottimizzando le scorte a magazzino

Verranno affrontati concetti e strumenti Lean come la Value Stream Map, lo Spaghetti Chart, analisi ABC e i KPI utilizzati per monitorare il processo.

Gli obiettivi del progetto sono:

• Migliorare il livello di servizio
• Contenere i costi di magazzino

Fino a pochi mesi fa il magazzino dei ricambi non era ben gestito ed era utilizzato come zona dove stoccare materiale obsoleto proveniente dalla produzione.

Questo ha portato ad avere nel magazzino ricambi parecchio materiale obsoleto inutilizzato da parecchi anni ed avere a magazzino materiale che non serviva.

Puntualmente un codice richiesto dal cliente non era a stock causando un basso livello di servizio, dato che il tempo di evasione dell’ordine dipendeva molto dai tempi di consegna del fornitore.

Dopo una prima analisi sul materiale da rottamare, siamo passati ad analizzare il materiale più venduto tramite una classificazione ABC abc fatta manualmente. Del materiale con categoria Aa, Ba, Ca e Ab abbiamo calcolato la giusta scorta di sicurezza e il punto di riordino considerando il tempo di approvvigionamento. In questo modo è stato possibile dimensionare il magazzino verticale automatizzato con i suo cassetti, divisori e separatori. Per migliorare il livello di servizio è stato necessario anche intervenire sui processi di versamento, prelievo e packaging. Prima i processi di versamento, prelievo e packaging non erano correttamente supportati dall’ERP causando molta inefficienza. L’acquisto del magazzino verticale automatizzato ci ha permesso di rivedere il layout della area ricambi ottimizzandolo seguendo una logica di flusso del materiale e studiando un posto per ogni cosa.

L’implementazione di un banco per il packaging e il banco (con il proprio carrello di minuteria) per montare gli assiemi e fare le riparazioni con il concetto che su ogni banco ci devono essere tutti gli strumenti per svolgere correttamente l’attività ha portato notevoli vantaggi.

È stato introdotto il concetto di livello di servizio e altri KPI per monitorare la situazione e misurare l’area ricambi

Mattia Crespi di Bies

Mattia Crespi

Project Manager Spare Parts and Continuous Improvement | Bre.Ma Brenna Macchine S.r.l. - Biesse Group

Mi sono laureato in Ingegneria Gestionale Industriale con Lean Manufacturing Excellence e ho conseguito l’esame di stato per essere abilitato alla Professione di Ingegnere Industriale. Attraverso il Green Belt Training ho acquisito specifiche capacità di analisi statistica per identificare le prestazioni di ciascun processo e identificare le aree di miglioramento. Per tre anni ho lavorato in ITT Cannon Veam Italia s.r.l. dove mi sono dedicato a progetti di miglioramento in ottica Kaizen nel reparto produttivo di montaggio attraverso l’applicazione di strumenti Lean per l’ottimizzazione dei processi di assemblaggio introducendo la logica “One Piece Flow” e ad ottimizzare i processi nella Supply Chain. Da un anno sono nel gruppo BIESSE dove mi occupo di progetti relativi ai ricambi e nel reparto Service.

8° Global Summit Logistics & Manufacturing

18 e 19 novembre 2020

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto Accetto. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi