Global Summit Logistics & Manufacturing

16 e 17 NOVEMBRE 2016 – CENTRO CONGRESSI HOTEL PARCHI DEL GARDA – PACENGO DI LAZISE (VR)

 

L’unico evento business in Italia interamente dedicato alle soluzioni, ai servizi e sistemi integrati  per la gestione della (intra) logistica, della produzione e della supply chain. Un appuntamento che mette in contatto diretto la domanda e l’offerta del settore d sulla base di interessi comuni e condivisi.

 

Global Summit Logistics & Manufacturing è l’evento riservato alla Business Community del settore, riunita per approfondire progetti, soluzioni, servizi e modi nuovi per fare business.

 

CONFERENZE + INCONTRI B2B + NETWORKING

 

Speaker

Un’occasione per dare voce e credibilità alle aziende anche grazie a conferenze tenute da speaker professionisti e leader di settore.

  • Paolo Campo
    Vice President, sedApta Group Paolo Campo, laureato in Ingegneria Elettronica nel 1988. Due anni dopo è socio fondatore di “Nuova Informatica Cim” dove si occupa della gestione del prodotto e delle relazioni commerciali. Nel 2000 fonda la ATOMOS S.p.A., società savonese che vende soluzioni integrate per SCP ed SCE interamente sviluppate dalla “Nuova informatica Cim” – NICIM, dove ricopre la carica di Direttore Generale. Nel 2014 ATOMOS diventa uno dei Partner fondatori del Gruppo sedApta e dal 2016 Campo è Vice Presidente di sedApta dove definisce le strategie del Gruppo riguardo tutti i segmenti idustriali di riferimento nel panorama italiano.
  • Ing. Isabella Longhi
    Laurea in Ingegneria conseguita al Politecnico di Torino. Socio e Membro del Consiglio di Amministrazione di Incas SpA, nonché Responsabile Tecnico della società. Esperienza ventennale nello studio e realizzazione di soluzioni logistiche e sistemi automatici integrati. Manager tecnico e commerciale, coinvolto in prima persona sui grandi impianti, dirige l’ufficio offering & progettazione.
  • Massimo Zanardini
    fa parte del Laboratorio Research and Innovation for Smart Enterprises (RISE) presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale della facoltà di Ingegneria dell’Università di Brescia. Si è laureato presso la medesima università a marzo 2012 in Ingegneria Gestionale, discutendo una tesi sulle modalità di collaborazione ed integrazione fornitore-cliente lungo le filiere logistiche. Ha conseguito nel 2016 il titolo di Ph.D. investigando il livello di conoscenza, diffusione e utilizzo delle nuove tecnologie digitali all’interno delle imprese manifatturiere. Dal 2013 affronta e studia le tecnologie di Stampa 3D, ed ha supportato diverse imprese manifatturiere nella valutazione di queste tecniche sia da un punto di vista tecnico sia economico.
  • Giacomo Frulla
    Responsabile pianificazione della produzione, ordini e logistica in DMM, da circa 10 anni si occupa dell'organizzazione delle competenze dei 75 artigiani di produzione e dei macchinari nella gestione delle commesse. In un mercato in continua evoluzione, DMM sviluppa e realizza progetti di serie insieme a su misura, contract e One-off, in cui la cura e le competenze artigiane si sposano con la potenza industriale.
  • Ing. Beniamino Paoletti
    Classe 1960. Ha maturato una ventennale esperienza come dirigente in aziende di medie e grandi dimensioni nazionali e multinazionali per l’implementazione di modelli e soluzioni in ambito APS (Advanced Planning & Scheduling). Svolge attività di docenza in master e corsi universitari. Dal 2014 collabora con Data Management HRM per l’ottimizzazione della pianificazione delle risorse umane in vari settori produttivi tra cui manufacturing, retail, transportation
  • Andrea Tinti
    Inventore della tecnologia di comunicazione “IUNGOmail” (patent n. 1334748) utilizzata dalla soluzione IUNGO, Andrea Tinti si occupa di consulenza e realizzazione di progetti di “Supply Chain Collaboration” di successo attraverso il coinvolgimenti di TUTTI i fornitori, dal piccolo terzista alla multinazionale e ovunque nel mondo. Ingegnere gestionale, ha lavorato in Italia e in Spagna per primarie aziende dei settori manifatturiero, fashion e servizi ai cittadini.
  • Carlo Caporizzi
    CEO– In GMDE dal 2001, ha al proprio attivo un’esperienza consolidata nel mondo digital in cui ha operato sin dagli albori dei primi siti web di diverse case editrici. Dopo aver partecipato in modo attivo alle politiche digital di moltissime case editrici sia di quotidiani che periodici e libri con soluzioni mirate, da qualche anno il suo interesse è volto anche alla promozione della multicanalità in ambito retail, GDO e fashion.
  • Dott. Guido Zanoni
    Si occupa da quasi 30 anni di sistemi informativi aziendali, ha maturato diverse competenze in vari settori dell’informatica attraverso importanti esperienze lavorative Dal 1985 al 1990 responsabile coordinamento IT per una grande impresa di costruzioni presso i suoi cantieri all’estero (Costa D’Avorio, Mozambico, Burkina Faso e Botswana). Dal 1991 al 2000 Responsabile IT di un’ importante azienda di produzione specializzata in cavi elettrici per media e bassa tensione. Dal 2001 responsabile IT di Madel s.p.a., azienda in costante crescita nel settore dei prodotti per la cura della casa e della persona
  • Ing. Fabrizio Arnaldi
    Partner – Sales Director E' uno dei soci fondatori di Plannet dove riveste attualmente il ruolo di Direttore Commerciale. Ingegnere, ha una pluridecennale esperienza nella gestione dei processi di produzione e di supply shain, maturata partecipando a progetti presso aziende manifatturiere di primaria importanza in Italia e all'estero. Plannet sviluppa l’innovativa suite software Compass 10 a supporto dei processi di Planning, Scheduling & Execution con l’obiettivo di migliorare le prestazioni logistico-produttive e massimizzare i profitti.
  • Edoardo Scognamiglio
    Laureato in Linguaggi dei Media, nel 2005 entra come autore nel programma tv Le Iene. Ha collaborato ideando e scrivendo oltre 200 servizi per produzioni Mediaset (Mai Dire Candid, Insider), RAI (Eva Lo spettacolo della scienza) e Disney (Get The Party). Nel 2010 ha ricevuto il premio “Ilaria Alpi” per il miglior reportage italiano. E’ docente di Ninja Academy. In ComboCut, di cui è co-fondatore, si occupa della direzione creativa e strategica.
  • Paolo Azzali
    Classe 1965. Consulente di logistica e supply chain management dal 1991. Autore di oltre 70 articoli, partecipa da oltre 15 anni come relatore e docente a numerosi convegni, seminari e corsi di formazione professionali. Dal 2010 è amministratore di AB Coplan Srl Dal 2008 è il consulente di Logistica dell’Unione Parmense degli Industriali (UPI). Dal 1998 al 2008 è stato Professore a contratto presso la Facoltà di Economia dell’Università di Parma come docente di corsi sulla logistica distributiva Dal 2003 è membro del Consiglio direttivo dell’Associazione Italiana di Logistica e Supply Chain Management (Ailog) Dal 2002 è il socio di riferimento della Logisticamente S.r.l. Dal 2001 (anno della pubblicazione del primo numero) è il Coordinatore Tecnico della rivista “Il Giornale della Logistica”
  • Stefano Sarasso
    Ingegnere, a lungo Executive di una delle maggiori multinazionali di Consulenza e System Integration al mondo. Esperto di sistemi di localizzazione in tempo reale, è l’attuale Amministratore Delegato di Ubiquicom, la principale società italiana produttrice di tecnologie e soluzioni RTLS.
  • Carlo Pascale Guidotti Magnani
    Specialista esperto di soluzioni hardware e software per la produzione, la logistica, l’industria e il retail. Dal 1989 è coinvolto in prima persona nel mondo delle soluzioni per l’Identificazione Automatica ed il Mobile Computing.
  • Francesco Stolfo
    è Partner e Business Development Manager di ToolsGroup. Ingegnere meccanico, da oltre vent’anni si occupa di progettazione di sistemi per la logistica industriale e distributiva mirati al miglioramento delle performance aziendali, con particolare riguardo alle nuove tecnologie.
  • Emanuele Triulzi
    opera nel settore Material Handling da più di 15 anni. Ha ricoperto diversi ruoli di responsabilità nelle maggiori aziende del settore nell’ambito marketing, rental solutions e after sales dove ha sviluppato diverse competenze seguendo progetti di sviluppo e implementazione di nuove tecnonolgie. Dal 2015 guida e coordina il team di Product Management di Linde Material Handling Italia.
  • Massimo Cecchinato
    è Business Development & Marketing Manager di Swisslog Italia WDS, ruolo che svolge in affiancamento a quello di Key Account Manager che ricopre in Swisslog dal 2013
  • Mauro Corona
    Laurea in ingegneria al Politecnico di Milano. Dal 1992 opera in aziende di material handling occupandosi inizialmente di processi di smistamento ad alte prestazioni all’interno di un Gruppo multinazionale. Consolida poi l’esperienza gestendo la filiale italiana di un’azienda specializzata nella fornitura di soluzioni di automazione logistica. Attualmente ricopre il ruolo di Direttore Commerciale per Dematic Italia.
  • Dr. Cesare Cernuschi
    Socio fondatore e Amministratore Delegato di SIMCO, società di consulenza specializzata nell’ottimizzazione della Supply Chain e fondata nel 1981, che ha sviluppato oltre 1.800 progetti per più di 450 Clienti di diverse dimensioni e settori merceologici. Senior Consultant nella progettazione e organizzazione dei layout dei magazzini, della distribuzione fisica e delle strutture organizzative aziendali.
  • Nicola Borghi
    Laureato in Ingegneria presso l’Università di Bologna, attualmente è Operation Director presso Due Torri Spa di Minerbio/Bologna. In precedenza sempre per la stessa società ha ricoperto il ruolo di ICT Dept Manager e Quality Assurance Manager
  • Stefano Bianchi
    Classe 1960. Consulente logistico dal 1990. Autore di numerosi articoli, partecipa come chairman e relatore a convegni e seminari su temi logistici, svolge attività di coordinamento e docenza in master in logistica industriale organizzati da università ed associazioni industriali. Dal 2010 è amministratore di AB Coplan s.r.l. Dal 2006 è vicepresidente della Italy Roundtable del CSCMP (Council of Supply Chain Management Professionals). Dal 2005 è membro del Management Board di SCG AG, società internazionale di consulenza logistica con sede a Ulm (Germania). Dal 1995 è membro della commissione logistica UNI. Dal 1992 partner di ALFA COPLAN s.r.l., società di consulenza e formazione logistica specializzata nella progettazione di magazzini e layout industriali.
  • Luciano Magiar
    Classe 1961 , Luciano Magiar è Key Account Manager in Panasonic Computer Product Solutions, business unit di Panasonic Systems Communications, dedicata ai device rugged. Magiar ha iniziato il suo percorso professionale come specialista software presso IBM Italia, per poi passare a ruoli commerciali presso Rank Xerox e MCI Worldcom. Negli ultimi 13 anni ha maturato una notevole esperienza nel mondo del Rugged Mobile Business lavorando come Business Development Manager presso Zebra, Intermec e Honeywell.
  • Roberto Ronchiadin
    Business Development Manager di Beta 80 Gorup nell’area SCM
  • Giorgio Tesorieri
    Uno dei soci fondatori e presidente di Infolog SpA, si occupa di attuare le linee strategiche decise da Infolog riguardo all’espansione della società verso Nuovi Mercati e Clienti Esteri. L’esperienza di 30 anni nasce in ambito gestionale presso una multinazionale americana con sede in Italia, per poi approdare in Infolog e occuparsi delle soluzioni software e dell’espansione all’Estero della società
  • Francesco Pampuri
    Product Manager Counterbalanced Trucks di OM STILL Nato a Milano nel ‘71, Francesco Pampuri è laureato in Ingegneria Meccanica al Politecnico di Milano. Nel 1998 entra in OM come progettista. Quattro anni dopo sceglie di cambiare funzione approdando al marketing, dove cresce fino ad assumere la carica di Product Manager responsabile per l’intera gamma di carrelli frontali OM STILL. È autore dei volumi “Il carrello elevatore frontale: guida alla vendita”, pubblicato nel 2011 e “ I carrelli elevatori ibridi – La scelta intelligente”, pubblicato nel 2016.
  • Marco Crasnich
    Esperto di logistica ha maturato precedenti esperienze manageriali come responsabile di settori logistici in importanti aziende multinazionali. Amministratore e socio di Overlog srl, azienda che da più di 25 anni ingegnerizza, sviluppa e realizza sistemi avanzati di gestione ed ottimizzazione logistica di produzione e magazzino attraverso l’implementazione del WMS proprietario SLIM2k
  • Andrea Tinti
    Inventore della tecnologia di comunicazione “IUNGOmail” (patent n. 1334748) utilizzata dalla soluzione IUNGO, Andrea Tinti si occupa di consulenza e realizzazione di progetti di “Supply Chain Collaboration” di successo attraverso il coinvolgimenti di TUTTI i fornitori, dal piccolo terzista alla multinazionale e ovunque nel mondo. Ingegnere gestionale, ha lavorato in Italia e in Spagna per primarie aziende dei settori manifatturiero, fashion e servizi ai cittadini
  • Marco Cernuschi
    Senior Partner Consultant di SIMCO, società di consulenza specializzata nell’ottimizzazione della Supply Chain e fondata nel 1981, che ha sviluppato oltre 1.800 progetti per più di 450 Clienti di diverse dimensioni e settori merceologici. Senior Consultant nella progettazione e organizzazione dei layout dei magazzini, della distribuzione fisica e delle strutture organizzative aziendali.
  • Ing. Filippo Tonutti
    Supply Chain Consultant e Project manager in Tecnest, azienda di riferimento in Italia per le soluzioni per la gestione della produzione e della supply chain. Da diversi anni gestisce progetti di implementazione di modelli e soluzioni in ambito APS (Advanced Planning & Scheduling) e MES (Manufacturing Execution System) presso aziende di diversi settori industriali.
  • Paolo Genovese
    Imprenditore. Conta ventennale esperienza nel settore della logistica e dei carrelli elevatori. Dal 1995 si occupa, per un periodo di 10 anni, di carrelli elevatori tradizionali promuovendo il marchio BT- CESAB. Nel 2005 diventa Socio della attuale Euro Assistance Group s.r.l. presso cui ricopre il ruolo di Responsabile Commerciale. Attualmente Referente per tutta Italia del progetto macchine per la movimentazione speciale Aisle-Master e Straddle Carrier.
  • Renato Bocchi
    Business Developer – Banking, Insurance & Industrial Dedagroup Spa Nato a Mantova nel 1961, Renato ha conseguito la laurea in Ingegneria Civile Edile a Bologna nel 1986 e ha avviato la sua carriera sviluppando competenze tecniche e pre-sales nel settore CAD/CAM/CAE presso Italcad e Texon. Nel 1993 comincia la sua esperienza in PTC, che durerà 23 anni e lo porterà ad estendere le proprie conoscenze agli ambiti del supporto alla vendita e dell’implementazione dei sistemi per la gestione dello sviluppo prodotto, ricoprendo vari ruoli in ambito pre/post-sales, business transformation e partner management; in questi ruoli contribuisce ad aiutare molte aziende manifatturiere italiane nella realizzazione di valore attraverso l'introduzione delle tecnologie CAD e PDM/PLM. Da alcuni mesi in forza a Dedagroup, Renato mette ora a disposizione dell’Azienda la versatilità della sua conoscenza ed esperienza ricoprendo il ruolo di manager del centro di competenza CAD/PLM/ALM/IoT.
  • Andrea Buson
    Amministratore della iDSistemi, società specializzata nello sviluppo di soluzioni software e hardware nel campo dell’identificazione automatica. Con una formazione tecnico-economica ha dato vita a numerosi progetti innovativi, tra cui: nel 2006 allo Smau ha presentato i primi lettori tag 125 KHz, nel 2003 ha presentato il primo WMS interamente WEB in modalità S.a.S, nel 2008 il sistema Track & Trace con dispositivi consumer (Smarphone Symbian e nel 2010 Android) .
  • Claudio Gagliardini
    Esperto di Webmarketing, Social Media Marketing (SMM), Digital PR, e comunicazione sui media digitali, cofondatore di seidigitale.com, progetta e cura strategie di Comunicazione & Marketing online, con particolare riferimento ai settori del Turismo, Food, Automotive e Real Estate. Blogger, divulgatore, formatore, speaker e relatore nei più importanti eventi e appuntamenti del settore. Co-Autore inisieme ad Ale Agostini di "Social Google Marketing", edito da Hoepli nel 2015. Quando, come e perché utilizzare i Social Media e le piattaforme della rete all'interno di una strategia di marketing è il fulcro del suo lavoro, che non si limita agli aspetti squisitamente tecnici, ma sconfina nello studio delle implicazioni e dell’impatto che essi hanno sulla diffusione e sulla percezione del messaggio.
  • Paolo Dagrada
    Designer, esperto di comunicazione CEO&Creative director di SDWWG. Coach di un gruppo multiculturale di designer, creativi, writers e programmatori. Etica e positività sono alla base del suo essere imprenditore creativo. Alieno, esteta, imperturbabile, bilancia. #marketing #creativo #coach #branding #storytelling #communication #golf #kitesurf #mountainbike
Il programma
16 novembre

Dalle 08.00 Ricevimento partecipanti e welcome coffee

09.00 - 09.30 Fabbrica 4.0: la quarta rivoluzione industriale della logistica e del trasporto

09.00 - 09.30 Fabbrica 4.0: la quarta rivoluzione industriale della logistica e del trasporto

Siamo alla quarta rivoluzione industriale.
Siamo anche alla quarta rivoluzione logistica?
Come se ne esce?
Cosa bisogna considerare e su cosa bisogna riflettere?

Relatori
Paolo Azzali
Classe 1965. Consulente di logistica e supply chain management dal 1991.
Autore di oltre 100 articoli, partecipa da oltre 15 anni come relatore e docente a numerosi convegni, seminari e corsi di formazione professionali.
Dal 2010 è amministratore di AB Coplan Srl
Dal 2008 è il consulente di Logistica dell’Unione Parmense degli Industriali (UPI).

Stefano Bianchi
Classe 1960. Consulente logistico dal 1990.
Autore di numerosi articoli, partecipa come chairman e relatore a convegni e seminari su temi logistici e svolge attività di coordinamento e docenza in master in logistica industriale organizzati da università ed associazioni industriali.
Dal 2010 è amministratore di AB Coplan s.r.l.

09.00 - 09.30 Le ripercussioni nascoste di una supply chain inadeguata

09.00 - 09.30 Le ripercussioni nascoste di una supply chain inadeguata

Quali sono le conseguenze di un rapporto inefficiente con i fornitori nelle aree aziendali apparentemente “scollegate” dalla supply chain? E quali invece i benefici che tali aree trarrebbero da una collaborazione a monte con il fornitore?

Prendiamo un’azienda che sperimenta inefficienze, colli di bottiglia e incomprensioni nel rapporto con i fornitori. Dovrebbe intervenire per migliorare e correggere le criticità ma, visti i tempi, sceglie di non fare nulla rassegnandosi alla presenza e al graduale peggioramento dei problemi.

Gli ambiti aziendali diversi dagli Acquisti sono davvero immuni dagli effetti negativi di questa “immobilità”? Purtroppo no. Sono molti i dipartimenti che, da questa situazione, ne escono indeboliti, più o meno fortemente, prima o dopo nel tempo, laddove invece potrebbe godere di benefici reali sia in termini operativi che strategici e finanziari.

Il più delle volte i manager ignorano i reali costi e le opportunità mancate che investono la Logistica, il Finance, il Magazzino, l’Amministrazione, le Vendite e così via.

Nel workshop si parlerà di quali sono le aree aziendali inevitabilmente toccate e dei “danni” derivanti da una gestione del rapporto con il fornitore (dalle richieste d’offerta agli ordini) caratterizzata da inefficienze, mancanze e superficialità. Verranno invece evidenziate le migliori Best Practice e i vantaggi che si possono ottenere da un approccio strategico alla Supply Chain.

Relatore
Andrea Tinti
Inventore della tecnologia di comunicazione “IUNGOmail” (patent n. 1334748) utilizzata dalla soluzione IUNGO, Andrea Tinti si occupa di consulenza e realizzazione di progetti di “Supply Chain Collaboration” di successo attraverso il coinvolgimenti di TUTTI i fornitori, dal piccolo terzista alla multinazionale e ovunque nel mondo. Ingegnere gestionale, ha lavorato in Italia e in Spagna per primarie aziende dei settori manifatturiero, fashion e servizi ai cittadini.

09.30 - 10.30 Incontri one2one

10.30 - 11.00 S&OP – Lo stato dell’arte del processo “principe” di governo delle aziende di produzione

10.30 - 11.00 S&OP – Lo stato dell’arte del processo “principe” di governo delle aziende di produzione

Una recente indagine ha mostrato che solo l’11% dei produttori collega in maniera efficace la pianificazione S&OP all’esecuzione. Perché?
È il caso di rivedere l’approccio con il quale oggi si traduce il piano tattico, modellato sui dati aggregati di vendita, in piano esecutivo modellato su dati super dettagliati?
Nel corso nell’intervento si cercherà di fare luce su questo argomento che, nonostante la difficoltà di approccio, è considerato dai più la vera chiave di svolta per ottenere l’ottimizzare di tutti i processi aziendali.

Relatore
Francesco Stolfo è Partner e Business Development Manager di ToolsGroup.
Ingegnere meccanico, da oltre vent’anni si occupa di progettazione di sistemi per la logistica industriale e distributiva mirati al miglioramento delle performance aziendali, con particolare riguardo alle nuove tecnologie.

10.30 - 11.00 Utilizzo del sistema Dematic Multishuttle nei processi a temperatura controllata. Alcuni esempi concreti di applicazione.

10.30 - 11.00 Utilizzo del sistema Dematic Multishuttle nei processi a temperatura controllata. Alcuni esempi concreti di applicazione.

La preparazione degli ordini in ambiente a temperatura controllata introduce un parametro di notevole complessità nella gestione del processo logistico distributivo. Risulta infatti necessario sincronizzare le fasi di composizione degli ordini e di spedizione allo scopo di ottimizzare le aree raffreddate. L’esigenza di sequenziamento nella preparazione degli ordini risulta un ulteriore vincolo nella modalità con cui la composizione dell’ordine può essere gestita. L’insieme di questi fattori, trasforma in processo di distribuzione di prodotti a temperatura controllata, in un processo che più di altri necessita di rapidità di esecuzione in ognuna delle sue fasi (picking, shipping..).
Verranno presentati esempi di applicazioni nella formazione ordini rivolti a temperatura controllata nel settore alimentare in cui l’automazione ha apportato vantaggi notevoli nel processo logistico complessivo.
In particolare verrà presenta un’esperienza reale di gestione cross docking di prodotti freschi attraverso l’utilizzo di un sistema Multishuttle Dematic e un sistema di consolidamento ordini nel settore dei prodotti congelati.
Flessibilità, efficienza, semplicità operativa sono i risultati che le soluzioni di automazione basate su Multishuttle sono state in grado di garantire offrendo una valido supporto per gestire e plasmare i cambiamenti che l’intralogistica nel settore del food sarà chiamata ad affrontare.

Relatore
Mauro Corona
Laurea in ingegneria al Politecnico di Milano. Dal 1992 opera in aziende di material handling occupandosi inizialmente di processi di smistamento ad alte prestazioni all’interno di un Gruppo multinazionale. Consolida poi l’esperienza gestendo la filiale italiana di un’azienda specializzata nella fornitura di soluzioni di automazione logistica. Attualmente ricopre il ruolo di Direttore Commerciale per Dematic Italia.

11.00 - 11.30 Incontri one2one

11.30 - 12.00 Sistemi PTL: picking &putting to light

11.30 - 12.00 Sistemi PTL: picking &putting to light

I sistemi PTL permettono in molti casi significativi incrementi di produttività. Le soluzioni illustrate vanno oltre il sistema di pick to light tradizionalmente applicato soprattutto in alcuni settori merceologici. In particolare ci si sofferma su sistemi di prelievo massivo con conseguente sventagliamento e prelievi multiordine. L’ambito di applicazione cresce enormemente e permette di cogliere i vantaggi di questa tecnologia in ambiti molto più ampi.

PUT TO LIGHT: Il prelievo viene effettuato in modalità massiva, con raggruppamenti parametrici di più ordini. Le postazioni di sventagliamento sono costituite da un tavolo di lavoro con un numero di contenitori variabile in funzione delle dimensioni degli stessi. L’addetto riceve i prodotto prelevati dai pickers e provvede all’identificazione, di norma tramite uno scanner multiraggio. Il sistema indica la locazione di destinazione e guida l’operatore nel posizionamento. L’avvenuta operazione deve essere confermata dalla pressione sul pulsante associato alla locazione. Questo meccanismo consente un pieno controllo dell’accuratezza del prelievo e la produzione delle packing list per scatola.

IMMEDIATE PUT TO LIGHT: I picker vengono dotati di carrelli attrezzati con un dispositivo di comunicazione (panel pc con lettore di barcode o tag RFID), batterie per l’autonomia operativa e dispositivi di identificazione. Il sistema indica la prima locazione da raggiungere e le relative quantità per ciascuna cella del carrello. In questa fase l’addetto opera a mani libere vedendo contemporaneamente tutte le locazioni interessate, a tutto vantaggio della produttività e della precisione.

Relatore
Roberto Ronchiadin è Business Development Manager nell’area SCM.

Beta 80 Group conta più di 400 specialisti.
La divisione Supply Chain Management sviluppa servizi e soluzioni per il controllo dei processi di produzione e distribuzione, con particolare orientamento verso i sistemi avanzati di logistica:
• sistemi logistici per impianti automatici
• WMS Stockager® con l’utilizzo di RF, voice, pick to light ed RFID
• TMS
• implementazione di progetti in ambito SAP (WM, eWM, TM)

11.30 - 12.00 Ottimizzazione dei costi e aumento della flessibilità sono oggi la massima priorità per ogni azienda

11.30 - 12.00 Ottimizzazione dei costi e aumento della flessibilità sono oggi la massima priorità per ogni azienda

In un mondo soggetto a rapidi e profondi cambiamenti, la ricerca di nuove soluzioni logistiche che possano garantire all’azienda il contenimento dei costi e la massima flessibilità è fondamentale per poter garantire alla stessa futuro e successo.
L’obiettivo è individuare e proporre, ai propri partner, soluzioni polivalenti, efficaci, semplici e sicure in grado di ottimizzare e razionalizzare gli spazi ed il percorso delle merci all’interno della produzione e del magazzino.
L’esperienza serve ad aumentare le nostre conoscenze ma la capacità di personalizzare le soluzioni alle esigenze dell’utilizzatore è qualità fondamentale per ottenere il massimo risultato.
Queste sono le motivazioni che ci spingono a ricercare sempre nuove soluzioni, spesso non convenzionali, da mettere a disposizioni di chi necessità movimentare merce di qualsiasi dimensione e peso.
“Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti.” Charles Darwin.

Relatore
Paolo Genovese. Imprenditore. Conta ventennale esperienza nel settore della logistica e dei carrelli elevatori.
Dal 1995 si occupa, per un periodo di 10 anni, di carrelli elevatori tradizionali promuovendo il marchio BT- CESAB. Nel 2005 diventa Socio della attuale Euro Assistance Group s.r.l. presso cui ricopre il ruolo di Responsabile Commerciale. Attualmente Referente per tutta Italia del progetto macchine per la movimentazione speciale Aisle-Master e Straddle Carrier.

12.00 - 12.30 Incontri one2one

12.30 - 13.00 Artigianalmente industriali: quando le competenze indirizzano il processo di pianificazione della produzione. Il caso DMM Spa.

12.30 - 13.00 Artigianalmente industriali: quando le competenze indirizzano il processo di pianificazione della produzione. Il caso DMM Spa.

DMM è un’importante realtà manifatturiera italiana specializzata da oltre 40 anni nella lavorazione del metallo per il settore dell’arredamento e non solo, offrendo in prevalenza prodotti progettati su misura in accordo tra il cliente, gli architetti e i propri progettisti. L’azienda con sede a Montecalvo in Foglia (PU), infatti, è in grado di progettare e industrializzare il prodotto commissionato partendo a volte anche solo da un semplice schizzo su carta.
Un’altra caratteristica distintiva della DMM è la capacità di studiare e realizzare finiture speciali per dare al metallo effetti cromatici o texture particolari. Queste finiture possono essere eseguite solo manualmente da personale specializzato, per questo motivo l’azienda si definisce una realtà industriale, ma con un animo artigianale.
In un contesto dove le lavorazioni manuali e la competenza delle persone rappresentano il valore aggiunto, risultava fondamentale pianificare e gestire i processi di produzione tenendo conto dei vincoli legati, non solo alla disponibilità dei materiali, ma anche alle competenze degli specialisti. Un’attività che, eseguita manualmente, implicava un notevole dispendio di tempo e non permetteva di gestire eccezioni effettuando simulazioni o ricalcolando al volo il piano. Inoltre, non avendo visibilità sulla situazione in reparto e sugli ordini di produzione, non si aveva la percezione del carico di lavoro con impatti sull’affidabilità delle date di consegna concordate con il cliente.
Giacomo Frulla, responsabile programmazione della produzione di DMM Spa e Filippo Tonutti, Project Manager di Tecnest srl, presentano obiettivi, caratteristiche e risultati del progetto di Advanced Planning & Scheduling e Manufacturing Execution System (MES) realizzato in DMM Spa per pianificare e gestire i processi di produzione tenendo conto dei vincoli legati, non solo alla disponibilità di materiali e attrezzature, ma anche alle competenze degli specialisti. Una soluzione, basata sulla suite software J-Flex di Tecnest, che ha permesso di avere una completa visibilità su processi e risorse, migliorare l’affidabilità delle date di consegna, ridurre del 30% i tempi per la creazione del piano di produzione e migliorare l’efficienza globale in fabbrica.

Relatori
Giacomo Frulla, DMM Spa
Responsabile pianificazione della produzione, ordini e logistica in DMM, da circa 10 anni si occupa dell’organizzazione delle competenze dei 75 artigiani di produzione e dei macchinari nella gestione delle commesse. In un mercato in continua evoluzione, DMM sviluppa e realizza progetti di serie insieme a su misura, contract e One-off, in cui la cura e le competenze artigiane si sposano con la potenza industriale.

Ing. Filippo Tonutti, Tecnest srl
Supply Chain Consultant e Project manager in Tecnest, azienda di riferimento in Italia per le soluzioni per la gestione della produzione e della supply chain. Da diversi anni gestisce progetti di implementazione di modelli e soluzioni in ambito APS (Advanced Planning & Scheduling) e MES (Manufacturing Execution System) presso aziende di diversi settori industriali.

12.30 - 13.00 Automazione nell’intralogistica e la fabbrica del futuro

12.30 - 13.00 Automazione nell’intralogistica e la fabbrica del futuro

La risoluzione dei problemi di movimentazione e di stoccaggio delle merci all’interno dei siti produttivi non è sempre approcciata con il metodo corretto: molte volte ci si focalizza su soluzioni che minimizzino solamente i costi della singola attività senza, ad esempio, prendere in considerazione anche i vantaggi indiretti di sistemi tecnologici avanzati, senza cercare una modalità alternativa di esecuzione dei processi, senza valutare le positive implicazioni che possono derivare da una integrazione digitale dei processi stessi. L’automazione può dare una risposta concreta ed affidabile all’intralogistica di fabbrica; sistemi automatici sono applicabili all’immagazzinamento delle merci, alla preparazione degli ordini, agli spostamenti da un punto all’altro e così via: trasloelevatori, miniload, shuttle, robot antropomorfi e cartesiani, veicoli a guida laser (per stoccare e trasportare), WMS sono ormai in grado di risolvere sostanzialmente qualsiasi problema.
Però alcune volte si sentono commenti poco positivi a valle dell’avviamento di soluzioni automatiche, come mai? Probabilmente in una o più fasi del progetto si è trascurata una componente importante: la conoscenza, declinata sotto diversi punti di vista. Per prima cosa bisogna essere consapevoli che non è sufficiente applicare soluzione tecnologiche avanzate, che effettivamente aiutano a raggiungere gli obiettivi, ma che bisogna sviluppare un processo per conoscere le effettive esigenze dei clienti che sovente si concretizzano in alcuni obiettivi come: prodotti personalizzati, consegnati rapidamente, a prezzi molto competitivi, ma non bisogna generalizzare ed è fondamentale essere precisi. Inoltre per riuscire nell’intento del miglioramento competitivo è anche necessario: avere un metodo progettuale collaudato, disporre di risorse professionalmente adeguate e non condizionate da altri interessi, avere un approccio integrato ai processi, affrontare il flusso delle merci sincronizzandolo con quello delle informazioni.

Relatore
Dr. Cesare Cernuschi
Socio fondatore e Amministratore Delegato di SIMCO, società di consulenza specializzata nell’ottimizzazione della Supply Chain e fondata nel 1981, che ha sviluppato oltre 1.800 progetti per più di 450 Clienti di diverse dimensioni e settori merceologici. Senior Consultant nella progettazione e organizzazione dei layout dei magazzini, della distribuzione fisica e delle strutture organizzative aziendali.

13.00 - 14.00 Lunch

14.00 - 14.30 La visione della logistica interna e della supply chain nell’Impresa 4.0: nuove tecnologie e nuovi modelli di business

14.00 - 14.30 La visione della logistica interna e della supply chain nell’Impresa 4.0: nuove tecnologie e nuovi modelli di business

Industry 4.0, Advanced Manufacturing, Smart manufacturing, Quarta rivoluzione industriale…
Sono solo alcuni dei termini con cui ormai quotidianamente veniamo bombardati dai media e (più recentemente) dalle istituzioni, che sottintendono un cambiamento radicale nell’operatività delle imprese manifatturiere e, più in ampio, dell’economia.
Rimanendo sulla superficie, è difficile comprendere per davvero in cosa si declinino praticamente tali parole. L’obiettivo dell’intervento sarà quindi quello di dare sostanza alle parole, evidenziando quali potranno essere gli impatti diretti stimati sull’economia italiana di due delle più significative tecnologie abilitanti il fenomeno di Impresa 4.0, l’Internet delle Cose (IOT) e la Manifattura Additiva (Stampa 3D).
Le domande a cui verrà data risposta saranno le seguenti:
• Quali sono gli scenari futuri che è lecito aspettarsi, rispetto alla situazione attuale?
• Quali aspetti strategici ha senso che le aziende considerino per lo sviluppo / la riconfigurazione delle proprie attività e delle proprie supply chain nei prossimi anni?
I partecipanti verranno quindi introdotti alle principali conseguenze che sarà lecito attendersi in seguito alla diffusione delle nuove tecnologie digitali, comprendendo quali potranno essere le opportunità e/o le criticità per la propria azienda e per il proprio settore nell’affrontare questa nuova rivoluzione industriale.
A corollario, verranno trattate altre tecnologie digitali avanzate, quali realtà aumentata e intelligenza artificiale, e degli impatti che tali soluzioni avranno sull’efficienza delle attività logistiche.

Relatore
Massimo Zanardini fa parte del Laboratorio Research and Innovation for Smart Enterprises (RISE) presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale della facoltà di Ingegneria dell’Università di Brescia. Si è laureato presso la medesima università a marzo 2012 in Ingegneria Gestionale, discutendo una tesi sulle modalità di collaborazione ed integrazione fornitore-cliente lungo le filiere logistiche. Ha conseguito nel 2016 il titolo di Ph.D. investigando il livello di conoscenza, diffusione e utilizzo delle nuove tecnologie digitali all’interno delle imprese manifatturiere. Dal 2013 affronta e studia le tecnologie di Stampa 3D, ed ha supportato diverse imprese manifatturiere nella valutazione di queste tecniche sia da un punto di vista tecnico sia economico.

14.00 - 14.30 La forza della Geolocalizzazione nella gestione di magazzini e della sicurezza: velocità, efficienza e risparmio

14.00 - 14.30 La forza della Geolocalizzazione nella gestione di magazzini e della sicurezza: velocità, efficienza e risparmio

Il workshop è dedicato alle soluzioni RTLS per Magazzino, Industria, Ospedali e retailer, focalizzando l’analisi su innovativi sistemi software di navigazione 3D per il controllo e la guida dei muletti all’interno dei magazzini (esterni e interni). Innovative tecnologie che consentono non solo un’efficacia nella movimentazione delle merci ma anche un controllo di sicurezza (attraverso l’anticollisione e gli strumenti di allert in caso di pedoni). Un altro focus importante del workshop riguarderà l’ottimizzazione del Magazzino e l’automazione dei Fine Linea di produzione.

– Soluzioni RTLS per Magazzino e Industria
– Controllo e guida dei muletti con mappatura 3D del magazzino (Eagle Nav)
– Soluzioni RTLS per aziende, ospedali e negozi
– Sicurezza negli ambienti (anticollisione e pedoni)
– Ottimizzazione del magazzino, Eagle Mag
– Automazione dei Fine Linea, Eagle Automation

Relatore
Carlo Pascale Guidotti Magnani
Specialista esperto di soluzioni hardware e software per la produzione, la logistica, l’industria e il retail. Dal 1989 è coinvolto in prima persona nel mondo delle soluzioni per l’Identificazione Automatica ed il Mobile Computing.

14.30 - 15.00 Incontri one2one

15.00 - 15.30 Localizzazione in tempo reale (RTLS) nell’intralogistica, nella produzione, nella sicurezza: casi reali

15.00 - 15.30 Localizzazione in tempo reale (RTLS) nell’intralogistica, nella produzione, nella sicurezza: casi reali

In un mercato globale altamente competitivo come quello attuale, la gestione del magazzino diventa un’area determinante per ridurre i costi nell’intera supply chain e recuperare efficienza nella logistica, nei processi produttivi e nell’impiego delle risorse. L’innovazione tecnologica consente oggi di implementare suite di soluzioni integrate volte a ottimizzare la gestione del magazzino verso la sua completa automazione con ritorni consistenti sulla redditività. Anche in questo caso le tecnologie dell’informazione, e più in particolare l’Internet of Things e i Real Time Locating Systems, possono offrire un valido supporto aumentando il grado di visibilità e di controllo sulla filiera.
Per le aziende che puntano all’efficienza nella gestione del magazzino è oggi possibile monitorare, localizzare e gestire in modo ottimale le risorse critiche lungo l’intera catena del valore. Combinando funzionalità di tracking indoor e outdoor, sensoristica distribuita e telecontrollo, si possono conseguire al contempo:
efficienza nell’utilizzo dei mezzi di movimentazione, dei contenitori e degli spazi di movimentazione e stoccaggio
“big data” per il management, a supporto della reportistica, della rilevazione delle criticità, dell’individuazione degli sprechi e delle operazioni di ottimizzazione dei processi e del layout dei magazzini
ottimizzazione degli investimenti in macchinari e materiale
ottimizzazione dell’efficienza e della sicurezza del personale
miglioramento della qualità del servizio offerto e soddisfazione dei clienti

Relatore
Stefano Sarasso
Ingegnere, a lungo Executive di una delle maggiori multinazionali di Consulenza e System Integration al mondo.
Esperto di sistemi di localizzazione in tempo reale, è l’attuale Amministratore Delegato di Ubiquicom, la principale società italiana produttrice di tecnologie e soluzioni RTLS.

15.00 - 15.30 Stoccaggio al cubo: Swisslog presenta il case history di successo di I.M.A. S.p.A.

15.00 - 15.30 Stoccaggio al cubo: Swisslog presenta il case history di successo di I.M.A. S.p.A.

Una soluzione su misura ma costruita a partire da elementi standard ha garantito alla I.M.A. di Ozzano dell’Emilia (BO) un eccezionale incremento delle performance logistiche ed un contestuale abbattimento dello spazio dedicato a stoccaggio e operazioni di picking.
Il sistema proposto da Swisslog si basa su AutoStore, un innovativo sistema modulare per lo stoccaggio ed il picking ad elevata densità, che permette di recuperare fino al 40 – 60 % dello spazio occupato dalle aree dedicate alle corsie e all’handling.

Relatore
Massimo Cecchinato è Business Development & Marketing Manager di Swisslog Italia WDS, ruolo che svolge in affiancamento a quello di Key Account Manager che ricopre in Swisslog dal 2013.

15.30 - 16.00 Incontri one2one

16.00 - 16.30 Virtual TAG e Logistica 4.0: La rivoluzione del WMS nella identificazione, picking, tracciabilità e movimentazione geolocalizzata dei pallet

16.00 - 16.30 Virtual TAG e Logistica 4.0: La rivoluzione del WMS nella identificazione, picking, tracciabilità e movimentazione geolocalizzata dei pallet

Le potenzialità introdotte dalla geolocalizzazione se viste dal solo lato tecnologico o integrate solamente in processi logistici tradizionali informatizzati, possono non essere efficienti o addirittura peggiorative se introdotte in modo parziale.

L’introduzione del Virtual TAG (cioè la localizzazione XYZ di un collo/pallet nello spazio, senza l’utilizzo di alcun supporto fisico, etichetta barcode o Rfid) ha rivoluzionato le possibilità di localizzazione, tracciabilità e movimentazione dei prodotti.
Infolog Spa, dal 2009, realizza progetti in Virtual TAG attraverso INTELLIMAG, il software di Warehouse Management System che già supporta nativamente tutte le tecnologie RTLS presenti sul mercato (Gps, Camera, Rfid, Radar) ed esegue i processi operativi sotto il controllo della propria “Regia Attiva”, lo schedulatore logistico integrato, che riorganizza i processi operativi tradizionali di movimentazione verso una completa Auto-Identificazione.
Tramite FGS (Forklift Guidance System), sensoristiche e processi di preparazione e picking passiamo dal concetto tradizionale di “Uomo alla Merce” verso il concetto di “Merce all’ Uomo”, sino a ieri appannaggio di sofisticati algoritmi degli ottimizzazione dei magazzini automatici.

Durante la conferenza verranno presentate le caratteristiche peculiari del WMS INTELLIMAG 4.0 applicate a Case History e progetti in Virtual TAG di diversi settori industriali.
Il sistema si integra ai principali ERP nazionali e internazionali.

Relatore
Giorgio Tesorieri – Vicepresidente di Infolog Spa, con esperienza consolidata di oltre 30 anni soprattutto in ambito ERP nazionali e internazionali, si occupa delle linee commerciali strategiche riguardo alla espansione della società per i sistemi e le soluzioni software INTELLIMAG WMS&SCM in ambito nazionale e internazionale.

16.00 - 16.30 Overlog presenta il case history TECNOSYSTEMI: Il WMS come strategia del Change Management

16.00 - 16.30 Overlog presenta il case history TECNOSYSTEMI: Il WMS come strategia del Change Management

Poche volte l’innovazione ci viene incontro e ci porta esattamente dove ci sarebbe piaciuto essere, il più delle volte bisogna stimolarla, farla crescere dentro i nostri processi, si chiama strategia di “change management” ma il cambiamento, quando è davvero voluto, va progettato con cura e tanta passione.

Passione e cura, così come la costante ricerca di elementi innovativi, che da sempre sono un tratto distintivo di Tecnosistemi, azienda trevigiana che si muove nel mondo dello smart clima, realizza accessori per la climatizzazione, barriere d’aria, utensili per il condizionamento e la refrigerazione, prodotti per la ventilazione, il condizionamento, il riscaldamento, il fotovoltaico. Otto cataloghi, migliaia di prodotti destinati al mercato, una distribuzione capillare e la necessità di rispondere alle esigenze del cliente direttamente dal proprio magazzino.

E’ il contatto fra Tecnosistemi ed Overlog che genera davvero una nuova esperienza e così risponde ad una domanda: può un WMS, un sistema di gestione operativa del magazzino, rispondere ad una precisa strategia di change management?

Certo che si, perché nella evoluzione dei nostri processi più operativi spesso c’è la vera risposta di efficienza che cerchiamo, perché l’introduzione di un WMS rappresenta anche la rivisitazione in termini di funzionalità di tutta la catena di distribuzione. Un WMS è anche strumento di adattamento dei processi dell’azienda.

In questo incontro semplicemente racconteremo questa esperienza, senza voler raccontare di “modelli” ma solamente stimolare in tutti voi la stessa passione che Tecnosistemi ed Overlog hanno sperimentato insieme.

 

16.30 - 17.30 Incontri one2one

17.30 - 18.00 WMS 4.0 – le nuove tecnologie

17.30 - 18.00 WMS 4.0 – le nuove tecnologie

La capacità competitiva dell’impresa dipende dalla capacità di crescere ed innovare rispetto a tre fattori chiave: qualità, costo e tempo. Quindi, la forza competitiva si fonda su di un giusto bilanciamento di questi tre fattori. Innovare significa anche un aumento temporaneo dei costi che, però, vengono assorbiti da una maggiore efficienza. PowerStore, il nostro WMS, integrandosi con la filosofia Zebra’s Mobility DNA, ci permette di lavorare nel magazzino 4.0 con maggiore efficienza, estendendo il concetto di magazzino su tutta la filiera dal produttore al consumatore con una soluzione di Enterprise Asset Intelligence. Le soluzioni Zebra permettono una maggiore visibilità per una movimentazione delle merci più rapida ed efficiente. La tecnologia indossabile, i dispositivi mobili, l’analisi dei big data e l’internet delle cose permettono una semplificazione tendendo all’eliminazione degli sprechi, attraverso il miglioramento incrementale e continuo.

Relatore
Buson Andrea.
Amministratore della iDSistemi, società specializzata nello sviluppo di soluzioni software e hardware nel campo dell’identificazione automatica. Con una formazione tecnico-economica ha dato vita a numerosi progetti innovativi, tra cui: nel 2006 allo Smau ha presentato i primi lettori tag 125 KHz, nel 2003 ha presentato il primo WMS interamente WEB in modalità S.a.S, nel 2008 il sistema Track & Trace con dispositivi consumer (Smarphone Symbian e nel 2010 Android) .

17.30 - 18.00 Si può far ridere nel B2B? La risata spesso è una leva decisiva per il successo di un video e ci sono settori in cui è più facile giocare con l’ironia

17.30 - 18.00 Si può far ridere nel B2B? La risata spesso è una leva decisiva per il successo di un video e ci sono settori in cui è più facile giocare con l’ironia

Ma le aziende che lavorano nel B2B o in ambiti per definizione istituzionali, sono costretti a far annoiare i propri clienti? Durante questo intervento analizzeremo dal punto di vista creativo e strategico alcuni video che portano l’ironia in settori dove è meno frequente trovarla.
Come si trova il giusto equilibrio tra prodotto e storia? Come avere la giusta sensibilità per non far diventare la battuta un boomerang?

Relatore
Edoardo Scognamiglio
Laureato in Linguaggi dei Media, nel 2005 entra come autore nel programma tv Le Iene.
Ha collaborato ideando e scrivendo oltre 200 servizi per produzioni Mediaset (Mai Dire Candid, Insider), RAI (Eva Lo spettacolo della scienza) e Disney (Get The Party).
Nel 2010 ha ricevuto il premio “Ilaria Alpi” per il miglior reportage italiano. E’ docente di Ninja Academy.
In ComboCut, di cui è co-fondatore, si occupa della direzione creativa e strategica.

Dalle 18.00 Aperitivo di fine giornata

17 novembre

Dalle 08.00 Ricevimento partecipanti e welcome coffee

09.00 - 09.30 Persone, Processi e Tecnologie: tre pilastri per migliorare i processi di S&OP nel manufacturing 4.0

09.00 - 09.30 Persone, Processi e Tecnologie: tre pilastri per migliorare i processi di S&OP nel manufacturing 4.0

Gli effetti della globalizzazione hanno comportato per molte aziende nel settore manifatturiero la necessità di adattarsi ad un mercato improvvisamente aperto e caratterizzato da alti livelli di competizione, nel quale rigide strategie “make to stock” hanno gradualmente ceduto il passo a strategie “assembly & configure to order” per permettere alle aziende di massimizzare i propri profitti rispondendo alle esigenze sempre più specifiche di personalizzazioni di massa dei propri clienti.
In questo contesto, i processi di Sales & Operations Planning (S&OP) rappresentano un elemento chiave per rendere efficiente la supply-chain attraverso un approccio collaborativo cross-funzionale ed integrato in grado di facilitare il consenso tra le funzioni coinvolte e definire le azioni future in un unico piano operativo. I processi S&OP permettono di raggiungere questi obiettivi quando gestiti in un’ottica di “orchestrazione”, dove le risorse critiche e limitate in termini di persone, capacità, materiali, tempo e denaro sono bilanciate e coordinate dinamicamente in scenari “event driven” al fine di soddisfare le esigenze di un mutato mercato.

Relatore
Paolo Campo
Vice President, sedApta Group
Paolo Campo, laureato in Ingegneria Elettronica nel 1988. Due anni dopo è socio fondatore di “Nuova Informatica Cim” dove si occupa della gestione del prodotto e delle relazioni commerciali. Nel 2000 fonda la ATOMOS S.p.A., società savonese che vende soluzioni integrate per SCP ed SCE interamente sviluppate dalla “Nuova informatica Cim” – NICIM, dove ricopre la carica di Direttore Generale. Nel 2014 ATOMOS diventa uno dei Partner fondatori del Gruppo sedApta e dal 2016 Campo è Vice Presidente di sedApta dove definisce le strategie del Gruppo riguardo tutti i segmenti idustriali di riferimento nel panorama italiano.

09.00 - 09.30 ONE BELT–ONE ROAD, sulla nuova via della seta: logistica e ferrovia a supporto dello sviluppo dell’economia Euroasiatica

09.00 - 09.30 ONE BELT–ONE ROAD, sulla nuova via della seta: logistica e ferrovia a supporto dello sviluppo dell’economia Euroasiatica

One Belt One Road (OBOR) è il nome dell’iniziativa strategica della Cina che prevede l’integrazione del corridoio terrestre (Silk Road Economic Belt) e di quello marittimo (Maritime Silk Road del XXIesimo secolo), coinvolgendo 63 Paesi nel mondo.

Il progetto mira a migliorare i collegamenti e la cooperazione tra i paesi dell’Eurasia , stimolando l’intera economia europea grazie agli investimenti e alla realizzazione delle opere che saranno affidati alle aziende e alle società di tutto il mondo.

I principali obiettivi sono rendere più liberi e regolamentati gli scambi economici e più efficiente la ripartizione delle risorse, promuovendo l’integrazione dei mercati e creando una rete di collaborazione strategica tra tutti i paesi.

Mai prima d’ora si era pensato di proporre al mercato, partendo dalle infrastrutture esistenti, un’offerta di servizi ferroviari merci lungo l’intero corridoio, dalla Cina all’Europa e pochi avrebbero scommesso sul fatto che il mercato rispondesse più che positivamente a quest’offerta.

Assistiamo così oggi ad un moltiplicarsi di servizi lungo più direttrici, con l’utilizzo di treni lunghi e pesanti stile USA: un’offerta che si colloca in una fascia intermedia tra il trasporto marittimo, per sua natura lento, ma poco costoso e ad altissima capacità di trasporto, ed il cargo aereo, rapido ma con tariffe molto alte.

GEFCO e gli altri operatori logistici internazionali si organizzano al passo col nuovo grande progetto, rilanciando lungo la Nuova Via della Seta il trasporto ferroviario delle merci su scala continentale.

09.30 - 10.30 Incontri one2one

10.30 - 11.00 Logistica e industria 4.0: come coniugarle in una trasformazione tecnologica finanziabile

10.30 - 11.00 Logistica e industria 4.0: come coniugarle in una trasformazione tecnologica finanziabile

E’ da molto che se ne parla ma finalmente l’Italia sembra avere un Piano per l’Industria 4.0, una serie di incentivi, provvedimenti e investimenti che mirano a diffondere la digitalizzazione nelle varie fasi dei processi produttivi nell’industria italiana.
Seppur con ancora qualche incertezza sui tecnicismi e le modalità dei finanziamenti, sono comunque stati definiti i principi delle linee guida per classificare gli investimenti che potranno rientrare nel Piano.
Incas si propone di percorrere le indicazioni redatte dal Ministero dello Sviluppo Economico, andando a mettere in evidenza quali plus dovranno avere la Logistica e Automazione per essere a pieno titolo inserite in questo processo di trasformazione tecnologica digitale.

Relatore
Ing. Isabella Longhi
Laurea in Ingegneria conseguita al Politecnico di Torino.
Socio e Membro del Consiglio di Amministrazione di Incas SpA, nonché Responsabile Tecnico della società.
Esperienza ventennale nello studio e realizzazione di soluzioni logistiche e sistemi automatici integrati.
Manager tecnico e commerciale, coinvolto in prima persona sui grandi impianti, dirige l’ufficio offering & progettazione.

10.30 - 11.00 I 4 pilastri della logistica 4.0 secondo Linde

10.30 - 11.00 I 4 pilastri della logistica 4.0 secondo Linde

Merci che si muovono autonomamente. Carrelli elevatori che durante il loro lavoro producono più energia di quella consumata. Un deposito merci completamente in rete.
Che cosa significa per l’intralogistica uno scenario in cui tutti i processi sono parte di una rete intelligente? La risposta a questa domanda è allo stesso tempo anche la risposta alla questione relativa a quali prodotti e servizi saranno richiesti nel magazzino del futuro. Linde si prepara già all’evoluzione della Logistica con idee concrete e progetti lungimiranti.
Nella logistica del futuro i carrelli elevatori agiranno in modo sempre più autonomo, al tempo stesso i carrelli elevatori si adatteranno in modo variabile e personalizzato sia in base all’operatore che alle mansioni concrete da svolgere; anche l’energia sarà in futuro una questione di primaria importanza.
Merci, mezzi, infrastrutture saranno sempre più interconnesse.
Linde fornisce già oggi risposte alle grandi questioni del futuro dell’intralogistica: automazione, personalizzazione, connettività e fonti energetiche rappresentano i 4 pilastri della Logistica 4.0 che stanno guidando lo sviluppo dei nostri prodotti.
Linde presenta prodotti e soluzioni già orientati al futuro!

Relatore
Emanuele Triulzi opera nel settore Material Handling da più di 15 anni.
Ha ricoperto diversi ruoli di responsabilità nelle maggiori aziende del settore nell’ambito marketing, rental solutions e after sales dove ha sviluppato diverse competenze seguendo progetti di sviluppo e implementazione di nuove tecnonolgie.
Dal 2015 guida e coordina il team di Product Management di Linde Material Handling Italia.

11.00 - 11.30 Incontri one2one

11.30 - 12.00 I vantaggi della tecnologia agli Ioni di Litio nella movimentazione interna

11.30 - 12.00 I vantaggi della tecnologia agli Ioni di Litio nella movimentazione interna

Da qualche anno, supportate anche dal forte sviluppo in ambito automotive, le batterie agli ioni di litio hanno incominciato ad essere proposte anche nel mondo della movimentazione interna.
Dotate di caratteristiche uniche queste batterie possono rappresentare un vero punto di svolta per la trazione elettrica dei prossimi anni.
Una veloce panoramica sulle caratteristiche di questa nuova tecnologia volta a comprenderne i vantaggi e a conoscerne i limiti.

Relatore
Francesco Pampuri, Product Manager Counterbalanced Trucks di OM STILL
Nato a Milano nel ‘71, Francesco Pampuri è laureato in Ingegneria Meccanica al Politecnico di Milano. Nel 1998 entra in OM come progettista. Quattro anni dopo sceglie di cambiare funzione approdando al marketing, dove cresce fino ad assumere la carica di Product Manager responsabile per l’intera gamma di carrelli frontali OM STILL.
È autore dei volumi “Il carrello elevatore frontale: guida alla vendita”, pubblicato nel 2011 e “ I carrelli elevatori ibridi – La scelta intelligente”, pubblicato nel 2016.

11.30 - 12.00 Overlog presenta Noah di Mermec: “Nuovi focus della gestione logistica: dal peso al volume”

11.30 - 12.00 Overlog presenta Noah di Mermec: “Nuovi focus della gestione logistica: dal peso al volume”

Mermec è un’azienda specializzata su sistemi “in action”; il suo core business è centrato sulla ispezione delle infrastrutture ferroviarie in movimento: misurare, parametrizzare, programmare e progettare modifiche o manutenzioni verificando strutture in movimento anche ad alte velocità (300 km/h).
Mermec ha studiato e progettato come mettere la sua tecnologia a disposizione del settore della logistica. Nasce così Noah, il primo sistema per la misura automatica in movimento dei pallet. Installabile direttamente sulle baie di carico o lungo una via di passaggio, associa le misure di volume con le informazioni di peso delle unità di carico.
Overlog, che ha già integrato Noah nel proprio WMS, ha potuto verificarne i risultati presso un suo cliente e constatare come gli effetti operativi di questo processo integrato siano assolutamente positivi
Noah è movimento che si fa risorsa operativa per l’ottimizzazione dei processi distributivi del magazzino. E’ forse un primo passo verso il (vostro) magazzino 4.0.

Luciano Marton (BU Director di Mermec Spa) e Marco Crasnich (CEO Overlog Srl) presentano Noah, forse una rivoluzione ma sicuramente un nuovo strumento di progettare ed organizzare in modo nuovo e più efficiente la logistica e le operations.
Una novità assoluta, Una visione sul futuro.

12.00 - 12.30 Incontri one2one

12.30 - 13.00 Trasporto: da costo a leva per la competitività

12.30 - 13.00 Trasporto: da costo a leva per la competitività

L’importanza del trasporto è sempre maggiore in ogni tipo di azienda e l’incidenza che ha sui costi, sul livello di servizio al Cliente e sul valore aggiunto relativo al prodotto “globale” dell’azienda è riconosciuta dal Management.
Le tradizionali modalità di gestione del trasporto, basate sulla leva della contrattazione coi fornitori per spuntare prezzi più bassi, non sono più in grado di produrre ulteriori risparmi.
È fondamentale per una buona ottimizzazione della distribuzione fisica pensare all`intero processo: il network distributivo, il magazzino (comprese le logiche di prelievo degli ordini), l`organizzazione del carico, l`organizzazione delle tratte (se si gestiscono i trasporti dedicati), la tariffa di trasporto (prendendo in considerazione tutti i costi accessori) e, infine, i costi inerenti le attività di controllo del nostro fornitore.
Solo così riusciremo ad ottenere il massimo dei benefici!
Come in tutte le cose, per poter svolgere bene un lavoro è importante avere un buon metodo, solo attraverso un`attenta redazione del Capitolato Tecnico Logistico (ossia una descrizione precisa ed esaustiva del trasporto oggetto dello studio), un`adeguata struttura tariffaria (ossia la scelta dei driver di costo più adatti alla tipologia di trasporto da effettuare) e una definizione precisa dei tempi di resa e del livello di servizio che il fornitore dovrà garantire (ossia i Service Level Agreement – SLA), si potrà veramente effettuare la scelta migliore.

Relatore
Marco Cernuschi
Senior Partner Consultant di SIMCO, società di consulenza specializzata nell’ottimizzazione della Supply Chain e fondata nel 1981, che ha sviluppato oltre 1.800 progetti per più di 450 Clienti di diverse dimensioni e settori merceologici.
Senior Consultant nella progettazione e organizzazione dei layout dei magazzini, della distribuzione fisica e delle strutture organizzative aziendali.

12.30 - 13.00 Sistemi avanzati di Planning & Scheduling a capacità finita: il caso MADEL Spa

12.30 - 13.00 Sistemi avanzati di Planning & Scheduling a capacità finita: il caso MADEL Spa

Madel Spa, fondata nel 1977, rappresenta una delle realtà produttive italiane più interessanti sul mercato della detergenza domestica e della cura del corpo.
Madel produce e commercializza oltre 300 referenze in grado di soddisfare tutte le esigenze commerciali dei propri partner e le esigenze di consumo del consumatore finale. I segmenti di mercato in cui l’azienda opera sono principalmente tre: detersivi e additivi per bucato, pulizia della casa, igiene personale.
Da sempre partner delle più importanti catene distributive italiane, Madel è presente capillarmente su tutto il territorio italiano ma è anche orientata al mercato estero con programmi di grande espansione tramite alcune consociate quali Madel CZ e Madel International.
La produzione avviene con 12 linee di produzione di ultima generazione, altamente automatizzate e con un’elevata capacità produttiva in grado di soddisfare tutte le richieste del mercato. Anche il soffiaggio dei flaconi è interno all’azienda, grazie all’utilizzo di un nuovo e moderno impianto che può contare su 9 soffiatrici multi-impronta. Ultimo anello della produzione è il grande magazzino automatizzato con una capacità di stoccaggio di oltre 20.000 pallets.
Durante la conferenza verranno presentati obiettivi, caratteristiche e risultati del progetto di introduzione del software Compass 10 di Plannet integrato all’ERP Sage X3 in Madel Spa a supporto operativo e decisionale della pianificazione a capacità finita della produzione e degli approvvigionamenti, che ha permesso di avere migliorare il livello di servizio, ridurre i tempi di creazione del piano e migliorare la produttività delle risorse.

Relatori
Dott. Guido Zanoni – MADEL S.p.a.
IT Manager
Si occupa da quasi 30 anni di sistemi informativi aziendali, ha maturato diverse competenze in vari settori dell’informatica attraverso importanti esperienze lavorative Dal 1985 al 1990 responsabile coordinamento IT per una grande impresa di costruzioni presso i suoi cantieri all’estero (Costa D’Avorio, Mozambico, Burkina Faso e Botswana). Dal 1991 al 2000 Responsabile IT di un’ importante azienda di produzione specializzata in cavi elettrici per media e bassa tensione. Dal 2001 responsabile IT di Madel s.p.a., azienda in costante crescita nel settore dei prodotti per la cura della casa e della persona

Ing. Fabrizio Arnaldi – PLANNET S.r.l.
Partner – Sales Director
E’ uno dei soci fondatori di Plannet dove riveste attualmente il ruolo di Direttore Commerciale.
Ingegnere, ha una pluridecennale esperienza nella gestione dei processi di produzione e di supply shain, maturata partecipando a progetti presso aziende manifatturiere di primaria importanza in Italia e all’estero. Plannet sviluppa l’innovativa suite software Compass 10 a supporto dei processi di Planning, Scheduling & Execution con l’obiettivo di migliorare le prestazioni logistico-produttive e massimizzare i profitti.

13.00 - 14.00 Lunch

14.00 - 14.30 Gli strumenti operativi per efficientare il ciclo produttivo

14.00 - 14.30 Gli strumenti operativi per efficientare il ciclo produttivo

Nell’intervento saranno identificati e descritti gli strumenti operativi utili per efficientare il ciclo di lavorazione, prendendo in esame il business case di una nota azienda produttiva.
Si farà focus sul percorso di outsourcing logistico, analizzando le fasi di identificazione degli obiettivi del cliente, di progettazione, lo startup delle attività e la gestione operativa fino al monitoraggio dei livelli di servizio.
A chiusura dell’intervento verranno definiti i fattori di successo dell’outsourcing logistico.

Relatore
Nicola Borghi, Laureato in Ingegneria presso l’Università di Bologna, attualmente è Operation Director presso Due Torri Spa di Minerbio/Bologna. In precedenza sempre per la stessa società ha ricoperto il ruolo di ICT Dept Manager e Quality Assurance Manager.

14.00 - 14.30 Gestione unificata delle informazioni aziendali, interazione con i clienti e rete vendita

14.00 - 14.30 Gestione unificata delle informazioni aziendali, interazione con i clienti e rete vendita

In un ambito in cui tutto cambia velocemente anche la capacità di comunicare delle aziende deve evolversi alla stessa velocità. Per le aziende in cui il business è determinato dalla condivisione di ogni informazione sui prodotti, è bene sapere che questa va fatta nel minor tempo possibile e coerentemente fra tutti i canali di interazione con i consumatori. I clienti cercano infatti informazioni sui prodotti ovunque, aderendo anche ai social network e scaricando applicazioni su dispositivi mobili. I contenuti devono per questo essere gestiti in modalità multimediale affinché possano essere distribuiti e fruibili su canali multimodali, in maniera continuativa, progettando nuovi flussi organizzativi e adottando strumenti per massimizzare il proprio bacino di clienti. Con GMDE le aziende trovano le risposte per affrontare il cambiamento in atto, ma soprattutto per guidarlo anche attraverso le evoluzioni future in cui cloud e pay per use saranno due elementi caratterizzanti dei nuovi modelli di business. Grazie al nuovo modello di gestione del business è possibile ottenere il massimo dalle strategie di marketing e sfruttare appieno le potenzialità di ogni organizzazione reagendo alle nuove necessità dei consumatori e ai cambiamenti imposti dal mercato stesso.

Relatore
Carlo Caporizzi – CEO– In GMDE dal 2001, ha al proprio attivo un’esperienza consolidata nel mondo digital in cui ha operato sin dagli albori dei primi siti web di diverse case editrici. Dopo aver partecipato in modo attivo alle politiche digital di moltissime case editrici sia di quotidiani che periodici e libri con soluzioni mirate, da qualche anno il suo interesse è volto anche alla promozione della multicanalità in ambito retail, GDO e fashion.

14.30 - 15.00 Incontri one2one

15.00 - 15.30 Internet of Things e Realtà Aumentata. Effetti speciali o acceleratori di business?

15.00 - 15.30 Internet of Things e Realtà Aumentata. Effetti speciali o acceleratori di business?

Nell’ultimo anno abbiamo assistito a un proliferare di articoli, convegni e nuove terminologie che raccontano dei mirabolanti effetti ‘disruptive’ prodotti dall’adozione di soluzioni IoT.
Nella pratica, un’azienda italiana, quali risultati pratici è in grado di ottenere, con quali costi e in quanto tempo? E indirizzando quali processi?
Nel mondo industriale la realtà aumentata può essere sfruttata con reali benefici o è solo un effetto speciale?

Dedagroup può vantare oltre 850 clienti nell’industria tra multinazionali e medie piccole aziende operanti nei settori automotive, aerospaziale, meccanica, elettronica, farmaceutico, alimentare e logistica. Con loro, ha sviluppato numerosi casi di successo dove, l’appropriato utilizzo dei dati raccolti dai sistemi connessi, ha trasformato il comparto Servizi, rendendolo una fonte di profitto equivalente, se non superiore, alla vendita dei prodotti stessi.

Relatore
Renato Bocchi
Business Developer – Banking, Insurance & Industrial
Dedagroup Spa
Nato a Mantova nel 1961, Renato ha conseguito la laurea in Ingegneria Civile Edile a Bologna nel 1986 e ha avviato la sua carriera sviluppando competenze tecniche e pre-sales nel settore CAD/CAM/CAE presso Italcad e Texon.
Nel 1993 comincia la sua esperienza in PTC, che durerà 23 anni e lo porterà ad estendere le proprie conoscenze agli ambiti del supporto alla vendita e dell’implementazione dei sistemi per la gestione dello sviluppo prodotto, ricoprendo vari ruoli in ambito pre/post-sales, business transformation e partner management; in questi ruoli contribuisce ad aiutare molte aziende manifatturiere italiane nella realizzazione di valore attraverso l’introduzione delle tecnologie CAD e PDM/PLM.
Da alcuni mesi in forza a Dedagroup, Renato mette ora a disposizione dell’Azienda la versatilità della sua conoscenza ed esperienza ricoprendo il ruolo di manager del centro di competenza CAD/PLM/ALM/IoT.

15.00 - 15.30 Pianificazione delle risorse umane in un sistema produttivo “make to order”

15.00 - 15.30 Pianificazione delle risorse umane in un sistema produttivo “make to order”

Nel Campo dell’industria manifatturiera (e non solo) il sistema produttivo è sempre più orientato ad adeguarsi il più possibile al mercato reale. Organizzazioni “make to order” sostituiscono, o integrano in modelli misti, organizzazioni basate sul modello “make to stock”. Il sistema produttivo deve essere sempre più flessibile e dinamico, non solo nell’utilizzo della capacità produttiva ma anche nell’utilizzo della propria forza lavoro. Così come è estremamente complesso pianificare la produzione in un’organizzazione “make to order” senza adeguati strumenti informatici di pianificazione, è altrettanto complesso pianificare la turnazione del personale in modo ottimale e coerente con la produzione senza strumenti di panificazione che integrino la produzione con l’impiego del personale.
L’intervento vuole discutere metodologie avanzate di integrazione della pianificazione della produzione e del personale per ottenere un piano di produzione efficiente, coerente e sostenibile.

Relatore
Beniamino Paoletti
Classe 1960. Ha maturato una ventennale esperienza come dirigente in aziende di medie e grandi dimensioni nazionali e multinazionali per l’implementazione di modelli e soluzioni in ambito APS (Advanced Planning & Scheduling). Svolge attività di docenza in master e corsi universitari. Dal 2014 collabora con Data Management HRM per l’ottimizzazione della pianificazione delle risorse umane in vari settori produttivi tra cui manufacturing, retail, transportation.

15.30 - 16.00 Incontri one2one

16.00 - 16.30 La mobilità nei processi produttivi

16.00 - 16.30 La mobilità nei processi produttivi

Manutenzione predittiva, controllo qualità, operazioni bordo macchina e logistica. Vi portiamo nelle esperienze che abbiamo realizzato per esplorare insieme gli ambiti della mobilità. Ci chiediamo insieme a voi: quale futuro avrà la mobilità nell’industry?

Relatore
Luciano Magiar
Classe 1961 , Luciano Magiar è Key Account Manager in Panasonic Computer Product Solutions, business unit di Panasonic Systems Communications, dedicata ai device rugged. Magiar ha iniziato il suo percorso professionale come specialista software presso IBM Italia, per poi passare a ruoli commerciali presso Rank Xerox e MCI Worldcom. Negli ultimi 13 anni ha maturato una notevole esperienza nel mondo del Rugged Mobile Business lavorando come Business Development Manager presso Zebra, Intermec e Honeywell.

16.00 - 16.30 VideoMarketing per l’internazionalizzazione

16.00 - 16.30 VideoMarketing per l’internazionalizzazione

Fa conoscere e apprezzare un’azienda all’estero è meno semplice di quanto possa sembrare, anche nell’era della rete, ma esistono strategie relativamente semplici, economiche e sostenibili che possono far conoscere i prodotti, i servizi e, soprattutto, la filosofia e la vision in tutto il mondo, grazie ai canali del web e alle loro opportunità. Il VideoMarketing è una di queste strategie, alla portata di tutte le aziende. Scopriamo insieme cosa e come fare per uscire dai confini nazionali e vendere grazie ai video.

Relatore
Claudio Gagliardini
Esperto di Webmarketing, Social Media Marketing (SMM), Digital PR, e comunicazione sui media digitali, cofondatore di seidigitale.com, progetta e cura strategie di Comunicazione & Marketing online, con particolare riferimento ai settori del Turismo, Food, Automotive e Real Estate. Blogger, divulgatore, formatore, speaker e relatore nei più importanti eventi e appuntamenti del settore. Co-Autore inisieme ad Ale Agostini di “Social Google Marketing”, edito da Hoepli nel 2015. Quando, come e perché utilizzare i Social Media e le piattaforme della rete all’interno di una strategia di marketing è il fulcro del suo lavoro, che non si limita agli aspetti squisitamente tecnici, ma sconfina nello studio delle implicazioni e dell’impatto che essi hanno sulla diffusione e sulla percezione del messaggio.

16.30 - 17.00 Incontri one2one

17.00 - 17.30 Logistica e comunicazione, quando la “sinergia” aumenta le vendite

17.00 - 17.30 Logistica e comunicazione, quando la “sinergia” aumenta le vendite

Generalmente la comunicazione Business to Business viene vissuta dalle aziende come un male necessario, questo fa si che, trascurata e sottostimata, porti a inaspettati “crolli” di immagine
e di risultati di vendita non in linea con gli obiettivi.
Vi racconteremo delle nostre case history di successo: Jungheinrich, Kube, Plannet e Sicuramente.
Quando la comunicazione aiuta a nutrire, profilare, vendere e fidelizzare

Relatori
Luca Pacchiarini
Nato nel 1971 sotto il segno dei gemelli affronta da sempre il lato oscuro della comunicazione lottando per il bene deisuoi clienti in nome del ROI e della sana comunicazione. Strategic and marketing director per dargli un jobtitle. Cavaliere Jedi per il suo credo. May the communication be with you.

Paolo Dagrada
Designer, esperto di comunicazione CEO&Creative director di SDWWG. Coach di un gruppo multiculturale di designer, creativi, writers e programmatori. Etica e positività sono alla base del suo essere imprenditore creativo. Alieno, esteta, imperturbabile, bilancia. #marketing #creativo #coach #branding #storytelling #communication #golf #kitesurf #mountainbike

17.00 - 17.30 Cosa ci portiamo a casa da questo Global Summit?

17.00 - 17.30 Cosa ci portiamo a casa da questo Global Summit?

Tante conferenze e tantissimi incontri fra gli addetti ai lavori caratterizzano ogni edizione del Global Summit.
A quest’ultima di cosa si è parlato in particolare?
Quali sono stati i temi di maggior interesse?
E soprattutto, in questo mare di proposte e di possibilità, come si deve muovere un logistico che voglia riorganizzare la sua azienda?

Relatori
Paolo Azzali
Classe 1965. Consulente di logistica e supply chain management dal 1991.
Autore di oltre 100 articoli, partecipa da oltre 15 anni come relatore e docente a numerosi convegni, seminari e corsi di formazione professionali.
Dal 2010 è amministratore di AB Coplan Srl
Dal 2008 è il consulente di Logistica dell’Unione Parmense degli Industriali (UPI).

Stefano Bianchi
Classe 1960. Consulente logistico dal 1990.
Autore di numerosi articoli, partecipa come chairman e relatore a convegni e seminari su temi logistici e svolge attività di coordinamento e docenza in master in logistica industriale organizzati da università ed associazioni industriali.
Dal 2010 è amministratore di AB Coplan s.r.l.

Dalle 17.30 Aperitivo di saluto

Expertise & Skill
Un approccio mirato
Conferenze di scenario sull’evoluzione della supply chain, workshop tematici su case history e soluzioni di mercato, incontri di business one to one
Un incontro reale
Opportunità di conoscere dal vivo professionisti, soluzioni e tecnologie e far conoscere il valore e le competenze dell’azienda
Una partecipazione su misura
Appuntamenti di business pianificati e ottimizzati su agende personalizzate per ciascun partecipante
Iscrizioni

La partecipazione in qualità di visitatori al Global Logistics & Manufacturing è gratuita e rivolta esclusivamente a Dirigenti e Funzionari aziendali. Il partecipante potrà vivere l’evento con una presenza personalizzata, una o due giornate, suddivisa tra momenti in aula d’approfondimento e incontri one to one con gli espositori per conoscere proposte, servizi e soluzioni.

La partecipazione è subordinata alla pre-registrazione fino ad esaurimento dei posti disponibili. L’organizzazione si riserva il diritto di rifiutare la registrazione senza dover giustificare la propria decisione. Tutte le richieste di partecipazione accettate saranno confermate dalla nostra segreteria organizzativa. Richiedi informazioni.

La partecipazione in qualità di visitatore è rivolta ad aziende “End User”.

Partner
Location

La location del Summit

La nuova edizione del Global Logistics & Manufacturing Summit si svolgerà presso il Centro Congressi Hotel Parchi del Garda, sulle sponde dell'omonimo lago. Un'atmosfera e uno spazio ideali per eventi di business.

Recapiti Segreteria Organizzativa

Concordia Professional Oriented Events
Tel: 011 07 45 674 - Fax: 011 07 45 671
Serve aiuto?
chiamaci
+39 011 07 45 674
contattaci
Evento organizzato da concordia